Dopo “Buona la prima”…finalmente arriva la seconda!

Dopo “Buona la prima”…finalmente arriva la seconda!

E’ nato tutto per caso, come succede spesso per gli incontri che poi fanno scoccare le scintille. E con Francesca è stato così: qualche mese fa ci scrisse per comunicarci che avrebbe voluto organizzare un grande concerto per raccogliere fondi per la nostra Associazione (vi ricordate il concerto “Il Puzzle della vita”?). Ma vi immaginate il nostro entusiasmo? E Francesca, dopo il successo di quella serata di marzo, non si è fermata, anzi ha fatto ancora di più. Sempre per noi, sempre per Puzzle.

Questa volta, non solo una serata di musica e canti, ma due giornate tutte all’insegna della solidarietà: il 20 e 21 ottobre a Granze si terrà “Insieme per Puzzle”, iniziativa patrocinata dal Comune di Granze (PD) e dalla Polisportiva Sant’Elena-Granze.

Due giornate in cui si alterneranno musica, sport e solidarietà. Cosa dire in più…vi lasciamo alle parole di Francesca che ci racconta il perchè di questa nuova avventura solidale e le sorprese che sta preparando per noi.

Noi di sicuro ci saremo, e voi?

————-

INSIEME PER PUZZLE

Questo il titolo a cui abbiamo pensato per spiegare il nuovo evento in favore di Puzzle.

Ormai manca poco…e la tensione da parte mia sale e coinvolge anche le persone che mi stanno aiutando nell’organizzazione.

Cosa posso dire, come già indicato in Facebook dopo “buona la prima finalmente arriva la seconda”.

Ribadisco, come prima cosa, il filo conduttore di questi eventi e pertanto quanto detto in occasione del concerto del 10 marzo scorso: quando si vive e vede la realtà di un reparto pediatrico, non si può restare indifferenti. C’è chi fa un esame interiore e si ferma li, chi fa finta di non vedere (perchè li dentro tutti lo viviamo il clima della malattia), e c’è chi si sveglia al mattino e prova a fare qualcosa. E proprio ora che sto scrivendo queste righe è un anno esatto che ho ricevuto la telefonata della Dott.sa Gaio che mi comunicava la data del ricovero e mi viene ancor più la pelle d’oca.

Dopo il concerto di marzo, l’effetto Puzzle ha coinvolto molte persone che da due mesi mi stanno aiutando con l’organizzazione dell’evento che si terrà a Granze (PD) il week end del 20 e 21 ottobre. Evento un po’ più articolato del primo e che prenderà il nome di “INSIEME PER PUZZLE”.

Per prima cosa il mio GRAZIE va a Damiano Fusaro, sindaco del comune di Granze, che da subito anche in occasione del concerto di marzo è stato tra i primi ad appoggiarmi in queste iniziative. Senza di lui questo nuovo evento non ci sarebbe.

L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Granze (PD) e dalla Polisportiva Sant’Elena-Granze. Molte attività locali, e che qui ringrazio sin d’ora, hanno aderito nel contribuire all’iniziativa attraverso un contributo economico. Tanta è stata la risposta da parte degli esercenti locali, contro quanto mi ero prefissa… il mio GRAZIE è infinitamente grande e pieno di gioia. La risposta a donare è stata enorme e già qua, anche se non è ancora realizzato l’evento, volevo ringraziare in particolar modo due persone di cui non faccio nome pubblicamente per riservatezza mia e delle stesse. Queste persone hanno donato una cifra importante e la risposta alla mia affermazione “non c’era più tempo per il logo” è stata che il logo non serve. A loro basta siano usati esclusivamente per aiutare i bimbi e non per il logo in locandina.

Ecco come si articolerà l’evento:

sabato 20 ottobre
Alle ore 21 presso la sala Polivalente a Granze (PD), avremo la scuola di musica A. Gualtieri di Monselice che farà per noi un concerto con la loro orchestra. La scuola Gualtieri è tra le migliori che ci sono nelle province di Padova e Rovigo; non perchè ci va mia figlia Diletta, ma perchè gli insegnanti da professionisti insegnano agli allievi la musica, quella vera. Per questa possibilità, dico grazie a Sandra, la titolare della scuola che da subito ha detto si.

All’interno del concerto verrà riproposto il duetto piano/violino che già a marzo hanno eseguito Roberto ed Elena; questo per mostrare agli occhi delle persone quanto possa essere speciale una persona che per la gente ha disabilità, ma per le PERSONE ha solo delle specialità, perchè le disabilità le hanno coloro che pensano a Roberto come ad un diverso.. e forse lo è, ma non nel modo che pensa la gente comune, Roby è diverso perchè speciale ed unico, e speciale ed unico è ciò che trasmette con la musica. E chi lo ascolta non può pensare che non lo sia, perchè semplicemente Roby trasmette la grandezza che ha.

domenica 21 ottobre
Alle ore 9.30 ci sarà inaugurazione della giornata sportiva nella tensostruttura a Granze (PD) dove avverranno gli eventi sportivi della giornata.

Ad intrattenere tutta la giornata con la sua musica ed il suo carisma, ci sarà il dj Luca Fun Party, molto conosciuto nella nostra zona e che non ha esitato a partecipare (GRAZIE LUCA!!).

Alle ore 10 partirà il 1° Trofeo Puzzle (dico primo perchè le intenzioni dei miei supporti Massimo Raise e Damiano Brancalion, il primo dirigente ed il secondo vice-presidente della Polisportiva Sant’Elena-Granze, è quello di ripeterlo negli anni): si tratterrà di un quadrangolare di calcio a 5.

Il pranzo sarà dalle ore 12 circa alle 13.30/45 circa.

La ripresa del torneo sarà alle 13.30/45 circa fino alle ore 16; alle ore 16.15, spostandoci nella sala polivalente ci saranno le premiazioni.

Alle ore 17.15 ci saranno le atlete dell’Iris Arre sempre in tensostruttura (e quindi anche Diletta e la sua squadra) che si esibiranno con le coreografie della ginnastica ritmica/artistica. Le atlete saranno dei corsi base, avanzato ed agonistico. Tengo a precisare che la ginnastica ritmica/artistica non è solo cerchio, nastro, palle e funi che si vedono volare in aria, ginnastica ritmica/artistica è uno sport completo che ha una preparazione atletica ben più ampia e strutturata di pallavolo, nuoto e calcio. Anche qua dico grazie al presidente Simone Caldin ed all’insegnante di Diletta, Lisa Bianchini, che hanno promosso da subito questo evento.

Per l’accesso sia al concerto che alla giornata sportiva, non sono previsti biglietti da pagare; voglio che sia sensibilizzato nel modo più grande, che basta un euro (magari anche di più se si può…) per dare il contributo di ognuno.

In linea di massima, questo è quello che capiterà il 20 e 21 ottobre.

Le aspettative sono sempre positive, speriamo di stupirci come è accaduto il 10 marzo scorso.

Altro non mi sento di aggiungere se non che anche in questo evento saranno le immagini a parlare e che saranno proiettate; io, Caterina, Silvia e chi conosce Puzzle, possiamo parlare fin che vogliamo, ma non riusciremo mai a spiegarci bene come lo fa una foto di un bimbo che con una centralina attaccata di fili, sorride ed ha gli occhi illuminati.

Avanti tutta Puzzle.

Francesca

 

s