Mai più senza….Associazione Fantasy!

Mai più senza….Associazione Fantasy!

Molti di voi hanno seguito e letto i racconti dei nostri “Blitz in reparto”, che riprendono oggi pomeriggio con una sorpresa, anzi 7 sorprese: insieme ai 7 nani porteremo un saluto e tanta allegria ai piccoli pazienti della Chirurgia Pediatrica di Padova.

Ma i nostri Blitz non sarebbero possibili senza l’aiuto dei ragazzi del Junior Camp e soprattutto degli animatori di Associazione Fantasy, che ci mettono a disposizioni trucchi e travestimenti per prendere le sembianze dei personaggi dei cartoni o delle favole più amati dai bambini: da Alice nel paese delle meraviglie a Frozen, dal Cappellaio matto ai Minions, dai PJ Masks Super Pigiamini a Batman e ai supereroi.

Vogliamo, quindi, farvi conoscere i grandi amici di Associazione Fantasy!

Grazie!!

——

Chi è associazione Fantasy e com’è nata?
L’Associazione Fantasy è un’associazione di promozione sociale nata nel 2012 con lo scopo di dare uno spazio di gioco sicuro e divertente ai bambini e alle loro famiglie. Presso il parco giochi Fantasilandia sito in Vigonza si è voluto creare un ambiente dove i bambini possano giocare in sicurezza, dove possano socializzare tra di loro e dove le famiglie possano condividere momenti di festa e di spensieratezza. Successivamente a questo primo obiettivo ne è nato un altro e cioè, per i ragazzi dagli 11 ai 14 anni, di essere affiancati al pomeriggio nei compiti; pertanto nel 2013 l’associazione ha organizzato un doposcuola presso le scuole medie di Vigonza con lo scopo di rendere più piacevole il lavoro pomeridiano dei ragazzi e meno impegnativo per i genitori. Tutt’oggi tutti i nostri servizi sono attivi e anzi recentemente si sono ampliati creando il doposcuola presso le scuole elementari di Pionca (Vigonza).

Con il vostro lavoro quotidiano siete sempre a contatto con i bambini. Cosa vi spinge a dedicarvi a loro con tanta attenzione?
Nonostante si pensi all’infanzia come a un’età semplice e senza particolari preoccupazioni, essa in realtà è una fase cruciale nello sviluppo del bambino e che merita quindi una grande attenzione. I bambini  sono il nostro futuro, e molte volte abbiamo tanto da imparare da loro, per questo abbiamo scelto di prenderci cura di loro.
Così la nostra dedizione nei confronti dei bambini è tale perché riteniamo che l’esperienza ludica possa essere “formante” per ogni bambino in particolar modo se questa è basata sulla condivisione degli spazi, dei giochi e anche dei sogni: per esempio, l’arrivo del supereroe o della principessa può soddisfare il sogno di molti! Pertanto, l’obiettivo è sempre quello di creare un ambiente stimolante, di benessere e sempre rinnovato dove i bambini si possano esprimere in libertà e dove siano contenti di tornare!

Cosa vi ha spinto a collaborare con la nostra Associazione?
La possibilità di portare nel reparto di Chirurgia Pediatrica un po’ di quello che facciamo in ludoteca ci ha da subito emozionati; inoltre siamo rimasti colpiti dall’entusiasmo, dalla grinta e dalla passione che l’Associazione Puzzle mette nei propri progetti, quindi per noi è un piacere poter contribuire a modo nostro.

Qual è l’emozione più grande o il ricordo più bello che avete vissuto nei “Blitz in reparto”?
E’ difficile scegliere l’emozione più grande o il ricordo più bello: ogni volta che visitiamo il reparto ci misuriamo con situazioni e bambini diversi, quindi l’esperienza è sempre nuova e significativa.
Siamo sempre tornati a casa arricchiti e più consapevoli del bene che si può fare con un semplice costume da principessa o cartone animato, e con un sorriso, un abbraccio o una carezza.
L’emozione più grande, forse, è semplicemente esserci ed essere li per i bambini.

Che obbiettivi vi ponete dalla collaborazione con Associazione Puzzle?
Sicuramente il nostro obbiettivo principale è quello di portare magia e spensieratezza nel reparto di chirurgia pediatrica, un ambiente di per sè limitante, in cui quindi i bambini hanno ancor più bisogno di veder soddisfatto il loro bisogno di giocare, di sognare, di divertirsi.
Inoltre, cerchiamo di sensibilizzare anche i soci della nostra associazione, per lo più famiglie, alla realtà dell’ospedale e alla presenza di Associazioni come Puzzle, a cui ci si può rivolgere per contribuire alla realizzazione di attività in reparto.
Infine, proviamo a far vivere, nella semplicità, un momento indimenticabile ai bambini, perché non solo stanno incontrando i loro eroi e principesse preferiti, ma sta succedendo in ospedale, e questo potrebbe aiutarli ad aver meno paura di quel luogo e a ricordarsi dell’esperienza del ricovero  con una sfumatura più allegra.

Come vi preparate ad un blitz in reparto?
Cerchiamo di scegliere di portare in reparto personaggi vicini alla quotidianità dei bambini, seguendo le ultime “mode”: dai PjMask, agli Avengers, alle principesse Disney, i Minions e così via. Per ogni personaggio pensiamo ad una piccola attività che possa coinvolgere il bambino, così da creare un’interazione positiva: ad esempio, portando i peluche degli animali dei cartoni, oppure con autografi, tatuaggi, fotografie…
Certamente, la parte più tosta è tenere a bada l’emozione e non lasciarsi sopraffare dalle situazioni dei bambini, ma la maggior parte delle volte sono loro stessi a rompere il ghiaccio e a rendere tutto più facile.

Quali sorprese state preparando per i prossimi Blitz in reparto?
Continueremo a portare in reparto i nostri personaggi, cercando di tenerli sempre aggiornati , i bambini sono molto esigenti 😉

s