Missione in Guinea: bilancio e progetti futuri

Missione in Guinea: bilancio e progetti futuri

Anche questa missione in Guinea Bissau si è conclusa: ecco gli ultimi aggiornamenti dal prof. Piergiorgio Gamba.

 

 

Padova 30 novembre 2012

Cari amici e sostenitori dell’Associazione Puzzle,

alcune notizie a conclusione della missione in Guinea da parte di medici e infermieri della Chirurgia Pediatrica di Padova. Questa missione è stata possibile grazie al vostro sostegno per le spese di viaggio di quasi tutti gli operatori partecipanti.

Come anticipato nei precedenti aggiornamenti la missione si è sviluppata per circa 25 giorni. Un primo gruppo di operatori (Costanza Tognon, Marco Masenello e Piergiorgio Gamba) si sono fermati per circa 10 giorni. Durante il loro soggiorno sono stati raggiunti dall’infermiere Cristian Miotto, che ha fatto poi da collegamento al successivo arrivo delle Dott.sse Maurizia Grazzini e Guendalina Mognato.

Durante questi periodi sono stai operati assieme al dott. Cumba e ai sui collaboratori quasi 50 pazienti con patologie varie. Si è lavorato molto nel cercare di rendere più autonomi possibili sia i chirurghi, sia un giovane medico, che speriamo voglia fare l’anestesista, sia gli infermieri della sala operatoria e del reparto.

Rispetto agli anni precedenti dobbiamo segnalare che sicuramente il gruppo ha fatto passi avanti nella gestione dell’assistenza in reparto anche dei casi più complicati. Attualmente ci sono 4 infermieri che a turno seguono il reparto e tutti, grazie al lavoro fatto l’anno scorso, e ai nuovi insegnamenti di quest’anno sembrano essere abbastanza attenti e preparati.

Per la sala operatoria ci sono due brave infermiere che seguono la parte chirurgica e anestesiologica. C’è ancora molto da lavorare in particolare per l’assistenza anestesiologica; non essendoci ancora un medico fisso di riferimento, come per la parte chirurgica, è d’altra parte difficile far crescere bene le competenze. Nel secondo periodo , quando finalmente c’è stato fisso un nuovo giovane medico a collaborare con la dott.ssa Grazzini, il lavoro di didattica è stato più sistematico e speriamo fruttifero.

Ci sono stati anche momenti conviviali con gli operatori locali (cena,brevi gite, etc) che sicuramente hanno contribuito a migliorare i rapporti e “fare gruppo”. Per questo aspetto il nostro infermiere Cristian si è rivelato veramente un maestro!!

Il problema fondamentale resta l’approvvigionamento e il ricambio dei materiali. Molto del materiale necessario doveva arrivare con container dall’Italia, ma a causa di tempi lunghi il container è arrivato dopo il rientro in Italia di tutti gli operatori!! Abbiamo supplito con il trasporto via valigia del materiale via via necessario , ma sicuramente questo è un punto in cui la direzione della Clinica Bor dovrà lavorare molto e bene.

Altro motivo di lavoro e obiettivo per il futuro sarà la capacità di far “crescere” un gruppo di medici non solo singoli operatori,in modo che esista comunque continuità .

Alcuni di queste considerazioni e risultati nonché ipotesi future di collaborazione le discuteremo in un nostro meeting il prossimo 11 dicembre. Speriamo che anche quest’anno come l’anno scorso la nostra presidente possa partecipare per avere ulteriori dati.

Saluti e ringraziamenti a tutti

Prof. Piergiorgio Gamba

s