Prima missione in Guinea 2016: il racconto della dott.ssa Avogaro

Prima missione in Guinea 2016: il racconto della dott.ssa Avogaro

Le missioni in Guinea Bissau dell’Equipe medica del Reparto di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale di Padova sono sempre ricche di emozioni, per noi e per gli stessi medici, che continuano ad affrontare questa esperienza con tanta volontà ed entusiasmo, nonostante siano passati ormai diversi anni dall’inizio di questa avventura. La loro missione è prima di tutto umana, poi medica: la soddisfazione che deriva dall’aver contribuito a formare e far crescere professionalmente medici, anestesisti e infermieri locali è immensa. Ed è questo messaggio che traspare dal resoconto che la dr.ssa Francesca Avogaro, anestesista, ha voluto condividere con noi, dopo il suo rientro dalla Guinea Bissau qualche giorno fa. Grazie di nuovo a tutti, medici, anestesisti e infermieri!

——————————————-

ClinicaRELAZIONE ATTIVITA’ SVOLTA presso l’ OSPEDALE SAO JOSE’ em BOR BISSAU -GUINEA BISSAU  19 GENNAIO – 18 FEBBRAIO 2016

Dott.ssa FRANCESCA AVOGARO Anestesista-Pediatra

In questo periodo la Dott.ssa Paula Co ha effettuato l’anestesia in 47 interventi chirurgici con la mia supervisione.

Paula in questi 2 anni ha raggiunto un notevole grado di sicurezza nella gestione dell’anestesia pediatrica e adulti, grazie anche al contributo di Maurizia Grazzini e Costanza Tognon durante i periodi della loro missione a Bor.

Ad oggi Paula è in grado di affrontare in maniera autonoma interventi anche complessi in bambini molto piccoli.

Acelma è una giovane infermiera dell’ Ospedale di Bor,studentessa al 3° anno di Medicina che ha dimostrato un grande interesse per l’anestesia ed è in grado di affiancare Paula nella preparazione del paziente e nella gestione dell’intervento.

Vi è necessità di ulteriore formazione nel tempo a venire.

Mario è un tecnico-infermiere dell’Ospedale di Kumura che ha fatto uno stage durante tutto il mese di mia permanenza mostrando vivo interesse, disponibilità e affidabilità. Anche per lui è necessaria ulteriore formazione.

Eugenia è una giovane infermiera dell’Ospedale Militare di Bissau che ha frequentato per 2 settimane la sala operatoria con interesse e voglia di apprendere.

Nei giorni 15-16 Febbraio si è svolto un corso intensivo teorico-pratico di anestesia,in lingua portoghese, al quale hanno partecipato,oltre a Paula Acelma Mario ed Eugenia altre 2 infermiere-tecniche di anestesia dell’Ospedale Militare.

Vi è stato un acceso e proficuo confronto tra le anestesie “occidentali” e le anestesie “africane” stimolato da Mario il quale, dopo 3 mesi di formazione in Italia a Biella, è ritornato in patria con molta paura (parole sue) in quanto consapevole che tutto quello che aveva visto in Italia non era assolutamente riproducibile in Guinea.

L’aver constatato che si possono fare delle bellissime anestesie con metodi e mezzi “africani” lo ha molto tranquillizzato.

Francesca Avogaro

s